Pesca nei fiumi la Regione Abruzzo autorizza le semine

Deroga immissione in natura della specie non autoctone trota iridea (Oncorhynchus mykiss) e trota fario (Salmo trutta)

Pubblicato: 10 Giugno 2022

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2022

L’Abruzzo è la prima regione d’Italia ad essere autorizzata dal Ministero della Transizione Ecologica ad immettere per un triennio trote fario nelle acque pubbliche.

Dopo il blocco totale dei ripopolamenti di trote imposto dalla fine del 2020 dal Decreto del Ministero, c’è stato un difficile confronto tecnico con gli uffici del MITE, all’esito del quale la Regione ha  ottenuto l’approvazione della proposta presentata.

In specifici tratti di fiume destinati a campi gara, sarà possibile immettere le trote fario allevate presso il centro ittiogenico regionale del Vetoio per tre anni .

Si potranno immettere anche trote iridee sterili a determinate condizioni. Tutto sempre sotto il controllo della Regione.

La deroga ottenuta premia l’impegno della Regione dedicato al recupero e alla conservazione della trota mediterranea autoctona.

L’Abruzzo è tra le poche Regioni d’Italia ad avere un allevamento dedicato alla riproduzione della trota mediterranea, con un buon numero di riproduttori certificati geneticamente e che sarà ulteriormente aumentato nei prossimi mesi attraverso specifici campionamenti genetici.

Nell’arco di un triennio l’allevamento regionale del Vetoio dovrebbe garantire i ripopolamenti con solo materiale autoctono, consentendo di superare tutte le difficoltà e i blocchi che la normativa statale e comunitaria impongono.

La deroga ottenuta è un primo importante passo per dare respiro al settore della pesca sportiva che è stato fortemente penalizzato dal divieto di immissione nei corsi d’acqua di specie considerate non autoctone .

Si sta già lavorando al progetto di recupero di trote selvatiche presenti in bacini ancora non sondati, per verificare l’esistenza di altre specie  autoctone da valorizzare.

Lascia un commento