Proroga tesserini segna catture

Si comunica che è stata ulteriormente prorogata fino al 31 ottobre 2020 la validità dei tesserini segna catture rilasciati nel 2019 per l'esercizio della pesca dilettantistico-sportiva nelle acque interne della regione Abruzzo. per la situazione di emergenza sul territorio nazionale da COVID 19.

I pescatori in regola con il versamento della tassa di concessione regionale, dovranno esercitare la pesca annotando fino al 31 ottobre 2020 i capi prelevati sulle pagine disponibili del tesserino in loro possesso rilasciato nel 2019.

Inoltre, il termine per la riconsegna del tesserino scaduto e acquisizione del nuovo tesserino è fissato alla medesima data - 31 ottobre 2020.

Solo chi fosse sprovvisto del tesserino 2019 potrà richiederlo con le modalità riportate in questa notizia sul rilascio del tesserino segnacatture nella fase di emergenza  nazionale segnacatture.

proroga tesserini segnacatture

PROGETTO FIPSAS/MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 2021 – DIDATTICA E FORMAZIONE INCLUSIVA CON I DIVERSAMENTE ABILI

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha approvato in questi ultimi giorni alla Federazione un progetto volto alla promozione sportiva e allo sviluppo della attività didattica, in particolare nei confronti di persone diversamente abili, da svolgere con Istruttori della Didattica e Formazione su tutto il territorio italiano in coordinamento con le Associazioni o Enti di settore che si occupano di questa tematica. Il progetto ha una scadenza molto vicina, il 26 marzo 2021. La Federazione sta, conseguentemente, iniziando le attività riferite al progetto. In questa fase stiamo divulgando il progetto per reperire adesioni di associazioni affiliate interessate a svolgere le attività.

Nel link di seguito riportato la modulistica per aderire alle attività, sia direttamente come realtà territoriale, sia tramite le Associazioni affiliate che verranno interessate da analoga comunicazione nei prossimi giorni. Le attività verranno autorizzate e supportate dalla Sede centrale. La scadenza per comunicare la disponibilità a partecipare alle attività di progetto è il 22 gennaio p.v. tramite la compilazione del Modello 1(scarica il modulo) e l’invio dello stesso all’indirizzo amministrazione@fipsas.it indirizzo al quale può essere inviata anche eventuale richiesta di maggiori informazioni.

La Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee riconosciuta dal CONI, iscritta al Registro Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale è impegnata, oltre che nel settore sportivo, in attività di promozione sociale e ritiene fondante il principio di integrazione delle persone diversamente abili attraverso i valori trainanti dello sport, motore di inclusione sociale, come: i principi di sano sviluppo, la diffusione della regolare attività motoria e l'adozione di uno stile di vita corretto a contatto con la natura.

Progetto Ministero del Lavoro – COVID SCHEDA DI PROGETTO

Scadenza del progetto 26 marzo 2021

Descrizione delle attività da realizzare:

  • organizzazione di attività sportive federali;
  • attività di didattica e educazione ambientale per ragazzi, promozione e sviluppo dell’integrazione sociale e dell’educazione inclusiva tra ragazzi normodotati e diversamente abili;
  • attività sportiva per diversamente abili e formazione specifica degli istruttori in materia di disabilità;
  • attività di sensibilizzazione e di comunicazione (campagna mediatica specifica su tv, radio, social);
  • potenziamento dei rapporti con gli enti pubblici territoriali e con le associazioni del Terzo Settore impegnate sulle tematiche dei diversamente abili.

Le attività verranno autorizzate e supportate, anche tramite il relativo sostenimento dei costi previsti (a titolo esemplificativo: rimborso spese missione) direttamente dalla Sede centrale.

I Comitati regionali, provinciali, le Sezioni provinciali e le ASD che avranno manifestato la propria volontà di aderire attraverso l’invio della modulistica richiesta (Modello 1) nella comunicazione verranno coinvolti in una riunione online avente ad oggetto la spiegazione delle varie attività di progetto.

Nel caso in cui i Comitati regionali, provinciali, le Sezioni provinciali e le ASD avessero già contatti con delle Associazioni che sono attive nel mondo della disabilità è possibile da subito acquisire i contatti con le stesse per richiedere l’adesione al progetto. La Sede centrale sarà attiva nella gestione dei rapporti con le Associazioni individuate.

Gara Nazionale trota lago

Il 17 gennaio presso il lago "King of the Lakes" a Catignano (PE) si svolgerà la prima gara Nazionale Individuale alla trota in lago con esche naturali.

Le iscrizioni sono aperte e si chiuderanno lunedi 10 gennaio ovvero non appena si raggiungono le 100 adesioni.

Per iscrizioni info@fipsasabruzzo.it inviando il modulo allegato al Regolamento particolare della manifestazione.

Si torna a Pesca

In Abruzzo, finalmente, si può andare a pesca muovendosi all'interno della propria provincia di residenza. Dopo le forti pressioni esercitate dal Comitato Regionale FIPSAS la Regione Abruzzo ha recepito le richieste e pubblicato le nuove disposizioni con Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 108 del 12 dicembre 2020 che di seguito riportiamo integralmente.

OPGR imprudente_def 12_12_2020

Arrivato Chiarimento

Comunicazione COVID 26 11 2020 Nota Presidente Matteoli Fipsas Pesca Sportiva
  1. È consentita la pesca sportiva? E le gare di pesca?

Salvo diverse disposizioni eventualmente emanate con ordinanze regionali, che, come noto, possono adottare provvedimenti più restrittivi, come di evince dall’art.1, comma 9, lettera d) del DPCM 3 novembre 2020, la pesca di superficie, sia sotto forma di attività amatoriale che di allenamento, potrà continuare ad essere praticata, in quanto attività che si svolge in forma individuale e all'aperto, fermo restando il rispetto del distanziamento sociale e del divieto di assembramento. Le gare si potranno svolgere solo se ritenute di interesse nazionale tramite provvedimento del CONI o del CIP.

Si rappresenta inoltre che nelle regioni identificate a massima gravità (cd. rosse), non è previsto lo spostamento da un Comune ad un altro se non per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Ciò significa che al momento di un controllo durante la fase di spostamento si dovrà provare il possesso di uno dei tre motivi.

Contributi alle associazioni sportive

Nel pomeriggio di ieri è stato aperto lo sportello su www.sport.governo.it per l’ACCESSO AI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE.

Si tratta della concessione alle ASD che hanno i requisiti, di un contributo forfettario che dovrebbe essere di Euro 800,00.

I requisiti sono i seguenti: Essere affiliata alla data del 31 ottobre 2020 a un organismo sportivo riconosciuto dal CONI (Federazione Sportiva Nazionale, Disciplina Sportiva Associata, Ente di Promozione Sportiva), Essere regolarmente iscritta nel registro del Coni e/o nel registro parallelo del CIP alla data del 31 ottobre 2020, Non essere titolare di uno o più contratti di locazione, Essere in regola con le autorizzazioni amministrative e sanitarie richieste dal comune di appartenenza per lo svolgimento delle attività sportive dichiarate, Possedere alla data del 31 ottobre 2020 un numero di tesserati atleti pari ad almeno a n. 25 (venticinque), Avere almeno 1 (uno) istruttore in possesso di laurea in scienze motorie o di diploma ISEF o, in alternativa, in possesso della qualifica di tecnico/istruttore rilasciata dal CONI e/o dal CIP o dagli organismi affilianti riconosciuti dal CONI e/o dal CIP a cui aderisce la ASD/SSD, Non aver beneficiato dei contributi a fondo perduto previsti dal decreto 5098 dell’11 giugno 2020 del Dipartimento per lo Sport, Di non avere richiesto o di non aver usufruito dei contributi previsti dall’art. 1 del D.L. n.137 del 28.10.2020 (cd Decreto Ristori).

Scarica allegato con l’avviso e le modalità.

Lo sportello è stato aperto nella serata di ieri e si chiuderà il giorno 24/11/2020 alle ore 16.00.

Una saluto

Ivan Di Cesare

Richiesta chiarimenti alla Regione

Pubblichiamo integralmente la lettera che il Presidente del Comitato Regionale F.I.P.S.A.S. ha inviato al Presidente della Regione Abruzzo, con la quale richiede chiarimenti in merito alla pratica della pesca sportiva in regime di "zona rossa" .

                                                                                                  Chieti, 18 Novembre 2020

                                                                     Al Presidente della Regione Abruzzo

                                                                             Dr. MARCO MARSILIO

                                                                     Al Vice Presidente della Regione Abruzzo

                                                                      con delega alle Politiche Agricole

                                                                            Dr. EMANUELE IMPRUDENTE

                                                                     All’Assessore allo Sport della Regione Abruzzo

                                                                            Dr. GUIDO LIRIS

Buongiorno,

in merito all’entrata della Regione Abruzzo nel novero delle regioni considerate a rischio massimo, cioè Rosso, la qual cosa viene a precludere in maniera massima attività, spostamenti ed abitudini quotidiane, siamo a richiedere chiarezza, dovuta al fatto che a livello nazionale non ve ne è affatto, sulla possibilità di praticare l’attività della pesca sportiva dilettantistica, perlomeno nell’ambito del proprio comune di residenza.

Fermo restando che la pesca dilettantistica è stata riconosciuta come una attività sportiva al pari di altre, con una FAQ della Presidenza del Consiglio dei Ministri già in data 05 Maggio 2020, lo stesso è stato ribadito, nel momento della suddivisione del territorio nazionale in Regioni di vario colore a seconda del grado di gravità epidemica, con FAQ del Dipartimento dello Sport in data 10 Novembre;

in data 15 Novembre, una nuova ed ultima FAQ, stavolta del Dipartimento delle Politiche Agricole,

specificatamente illustra come nelle zone Arancioni la pesca sportiva possa essere praticata solo nel proprio comune di residenza, mentre nelle zone Rosse è totalmente vietata.

Preso atto a nostro avviso della confusione nella redazione e comunicazione delle due ultime FAQ a riguardo in ordine temporale, pubblicate da due diversi Dipartimenti del Consiglio dei Ministri, e che stanno creando non poca incertezza e disorientamento interpretativo a chi , in Abruzzo pratica le diverse discipline di questo sport.

Altro elemento di poca chiarezza è dato dal fatto che le attività commerciali connesse alla pesca sportiva, il cosiddetto indotto, possono in gran parte rimanere aperte, ma il pescatore non ha la possibilità di recarvisi a fare acquisti, alla luce delle disposizioni di riduzione degli spostamenti, visto che non rientrano nelle categorie delle attività commerciali cosiddette essenziali, rischiando altrimenti pesanti sanzioni, oltre al fatto che la pesca sportiva rimane vietata.

Siamo dunque a chiedervi di poter fare chiarezza per quanto vi è possibile, sulla situazione riguardante la pesca sportiva in genere nella sua interezza, certamente consci della gravità del momento che stiamo attraversando, ma ribadendo che la pesca sportiva, in quanto tale, non presuppone per il suo svolgimento nella stragrande maggioranza dei casi in forma assolutamente individuale, alcuna possibilità di assembramenti, seppur limitati e viene svolta con tutte le forme di protezione individuali espressamente indicate ed ormai conosciute,  ed alle quali i pescasportivi si sono da tempo adeguati, soprattutto nella loro veste di cittadini.

Certi di una vostra rapida per quanto possibile ed esaustiva risposta, Vi salutiamo cordialmente augurandovi un buono e proficuo lavoro.

                                                                                 IL PRESIDENTE

                                                                          DOTT. CARLO PAOLINI

Autocertificazione Covid 19 – Novembre 2020

AUTODICHIARAZIONE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 D.P.R. N. 445/2000

Il/La sottoscritto/a ______________________________________________ , nato/a il ____ . ____ . _____ a _____________________________ (______), residente in ________________________________ (______), via ________________________________________ e domiciliato/a in ____________________________ (______), via ________________________________________, identificato/a a mezzo _______________________ nr. _________________________________, rilasciato da ____________________________________ in data ____ . ____ . _____ , utenza telefonica ___________________ , consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale (art. 495 c.p.)

DICHIARA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITÀ

Ø di essere a conoscenza delle misure normative di contenimento del contagio da COVID-19 vigenti alla data odierna, concernenti le limitazioni alla possibilità di spostamento delle persone fisiche all’interno del territorio nazionale;

Ø di essere a conoscenza delle altre misure e limitazioni previste da ordinanze o altri provvedimenti amministrativi adottati dal Presidente della Regione o dal Sindaco ai sensi delle vigenti normative;

Ø di essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art. 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, e dall’art. 2 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33;

➢ che lo spostamento è determinato da: - comprovate esigenze lavorative; - motivi di salute; - altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio; (specificare il motivo che determina lo spostamento): _____________________________________________________________________________________;

Ø che lo spostamento è iniziato da (indicare l’indirizzo da cui è iniziato) _____________________________________________________________________________________;

Ø con destinazione (indicare l’indirizzo di destinazione) _____________________________________________________________________________________;

Ø in merito allo spostamento, dichiara inoltre che: _____________________________________________________________________________________.

Data, ora e luogo del controllo - Firma del dichiarante

L’Operatore di Polizia

SOSPENSIONE GARE DI PESCA DI SUPERFICIE

Preso atto del contenuto del Dpcm del 5 novembre 2020, di imminente pubblicazione in G.U., con il quale l'Italia viene divisa in fasce e ogni regione viene inserita in un'area differenziata di rischio, considerate le limitazioni imposte dal decreto alla mobilità e all'esercizio dell'attività sportiva, la FIPSAS ritiene opportuno sospendere lo svolgimento di tutte le gare di Pesca di Superficie fino a data da destinarsi. Il contenimento della curva dei contagi e l'adozione di importanti misure di sicurezza a livello organizzativo, nonché la possibilità di assicurare pari opportunità a tutti gli atleti nazionali, preservando coloro che non abbiano libertà negli spostamenti, sono sicuramente le motivazioni più incisive che sono state vagliate nell'adozione di tale decisione.